Serie Tv

Arya Stark: da bambina a eroina, l’evoluzione di un mito generazionale

Tra tutti i personaggi di Game of Thrones, sicuramente Arya Stark ha avuto un’evoluzione completa e a tutto tondo nel corso delle sette stagioni trascorse e in questi ultimi tre episodi dell’ottava, e ultima, stagione.

L’abbiamo conosciuta quando era ancora una bambina che giocava a fare il maschiaccio a Winterfell, amata da Eddard e Lady Catelyn e odiata dalla sorella Sansa che poi diventerà il suo punto di riferimento. Una bambina precoce in tutti i sensi, dall’intelligenza acuta e dalla prestanza fisica non indifferenze data la sua stazza. Agile è sicuramente l’aggettivo che più la contraddistingue nel corso delle prime stagioni.

Aggettivo che cambierà spesso, come cambieranno le sue attitudini date dalle esperienze che di volta in volta si apriranno davanti a lei. Possibilità sconosciute e inconoscibili, la voglia di vendetta che cambierà spesso, ma che sarà sempre tremenda e inevitabile come la sua spada Ago.

Arya Stark è uno dei personaggi più amati di Game of Thrones, in queste otto stagioni abbiamo imparato a conoscerla ma mai fino in fondo, e questa è una maestria narrativa di tutto rispetto. Ma, perché la amiamo così tanto? Cos’è che spinge noi, appassionati di Game of Thrones, ad essere così legati a quella bambina che ormai è diventata un’eroina a tutti gli effetti?

La risposta è forse da cercarsi nella nostra voglia di riconoscerci in un personaggio così sui generis e fuori dai canoni tradizionali. È una bambina, e già in tenera età mostra la sua tenacia e la voglia di ragionare fuori dagli schemi. Una rivoluzionaria che viene appoggiata dalla propria famiglia a rincorrere le sue attitudini naturali, la voglia di distinguersi e di non essere, tout cour come sua sorella Sansa, lo stereotipo della Lady tutta ricamo e primi amori tormentati.

E va bene, ci sta che noi spettatori, da gran romanticoni, crediamo in Arya e vogliamo vedere tutti i suoi sogni di vendetta realizzati, ci sta che speriamo di vederla seduta sul Trono di Spade, ci sta anche e addirittura che ci trasformiamo in voyeur e spiamo dal buco della serratura (tra mille congetture e commenti inopportuni) la notte d’amore tra lei e il bastardo di Robert Barateon.

Assodato tutto questo, non posso mettere, però, a freno la mia vena polemica. Nell’arco narrativo Arya è un personaggio emblematico per tutto quello che abbiamo visto e letto. Fatto sta, però, che anche con lei si cade nel banale e finisce per ricoprire quello stereotipo tanto caro alla letteratura fantasy, il deus ex machina che risolve le situazioni più complicate, l’eroe inaspettato che fa fuori il cattivo di turno, quello che cerca di immolarsi per un bene comune e gradito a tutti.

Lungi da me la volontà di criticare il personaggio che è uno dei miei preferiti della saga televisiva, ma ricordiamoci che non è tutto oro quello che luccica, e se Arya ha mostrato grande capacità di prendere in mano situazioni più complicate rispetto a quella vista nel terzo episodio dell’ottava stagione, un monito va fatto anche ai suoi detrattori che in queste ultime ore stanno affollando l’internet.

È doveroso riportare alcune parole dei miei colleghi di redazione a proposito del personaggio di Arya:

Personalmente perché trovo sia il personaggio con la crescita migliore, non è la mia preferita (sono team Jon). Però è innegabile l’enorme percorso del personaggio e l’enorme consapevolezza che ha acquisito nel tempo, non solo come assassina e guerriera ma anche come persona. Lei sa che ha oltrepassato determinati limiti, ma non si indietro perché lo fa esclusivamente per le persone a cui tiene e non per un tornaconto personale

Daniele

Insomma, Arya è croce e delizia di tutti gli appassionati della serie, il suo personaggio rimane tra quelli costruiti e caratterizzati meglio dell’intera epopea di Westeros.

Cosa ci aspetterà nelle prossime puntate? Qual è il vostro pensiero a riguardo? Ditecelo con un commento qui sotto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: