Fumetti

La nave prigione: la sensualità di un gioco di potere – La Recensione

In un futuro non meglio specificato si ambienta la nostra storia.


La storia di una nave prigione, la “Valerie Anne”, una galera che veleggia tranquillamente nel nero e stellato mare dello spazio, con la velocità pari a due volte quella della luce, pur potendo potenzialmente andare più veloce, se solo sfruttasse un ulteriore reattore.

La nave è condotta verso terra da due personaggi ben distinti e con caratteristiche differenti: la robot ausiliaria Alice e la protagonista della nostra avventura, la guardiana Faye, della quale in seguito scopriremo anche il suo nome di battesimo.

Prima, però, è doveroso fare un passo indietro e porsi qualche quesito.

Perché questo veicolo sta compiendo questo viaggio?

Perché la provocante e sensuale Faye insieme alla sua compagna sono nello spazio a svolgere il ruolo di guardiane e di aiutanti?

Interrogativi questi che troveranno risposta sin dalle prime tavole del fumetto.

Si trovano li perché stanno trasportando un carico (dovrebbe essere una missione facile), ovvero otto pericolosi delinquenti e assassini in sonno criogenico alla colonia penale presente sulla Terra, pronti per essere giudicati per gli orrendi crimini di cui si sono macchiati.

Il tutto avviene mentre sullo sfondo degli eventi narrati assistiamo alla campagna elettorale per le nuove elezioni presidenziali, le quali con molta probabilità vedranno come vincitore uno “sconosciuto”, il senatore dell’Arkansas, Axton, un personaggio dalle idee assolutamente conservatrici (tanto che si pensa voglia addirittura reintrodurre la pena di morte), l’ennesimo individuo riuscito a scalare il monte del potere in un tempo brevissimo.

Una navigazione apparentemente tranquilla, quella della Valerie Anne, e senza intoppi, fino a quando lo scafo della nave non viene colpito da un meteorite che ne compromette l’integrità strutturale e permette ai dormienti di poter fuggire rubando le scialuppe di salvataggio, liberi di scappare nella galassia in cerca di un posto tranquillo per potersi nascondere e sfuggire alle grinfie della legge.

Da qui l’avvio di una ricerca che ci condurrà in una serie di mondi e “pianeti” perfettamente creati e immaginati dall’artista che ha “scritto” graficamente l’opera, ovvero Esteban Maroto ( Madrid, 3 marzo 1942 ), indiscusso maestro del fantasy e dell’erotismo ad esso connesso, creatore tra le altre cose del celeberrimo design del bikini di cotta metallica di “Red Sonja” (controparte femminile di Conan il Barbaro, sulle cui pagine farà la sua prima apparizione nel 197 ), oltre che disegnatore sulle pagine del “Brendon” di casa Bonelli, capace anche di creare tavole richiamanti per certi versi l’Art Nouveau.

Potrebbero anche esserci dei riferimenti e delle citazioni al più grande fumettista francese, ovvero Jean Giraud, meglio conosciuto come “MOEBIUS”, quantomeno nella struttura delle architetture che troviamo nei vari mondi visitati dalla nostra eroina. Tra questi avanzi di galera ne troviamo uno speciale, Frank Branner, un pluriomicida che a detta della base ha contratto un terribile virus, una patologia estremamente contagiosa e infettiva  tanto da dover essere “eliminato da lontano”. Escludendo i danni materiali, facilmente risolvibili, la nave-prigione non potrà riprendere il proprio cammino fin quando non sarà a conoscenza del destino dei propri ospiti, ibernati o defunti.

Da questo concetto si snoderanno gli eventi e inizierà l’avventura di Faye, un’epopea che metterà a nudo tutte le sue fragilità, quelle di una donna che, tramite il proprio corpo, (estremante attraente e sensuale) cercherà di mostrare sicurezza e forza d’animo, mentre invece dentro di se è fragile e insicura, in cerca di una persona da amare e soltanto desiderosa di poter tornare a casa e di non perdere il suo lavoro.

Questo titolo scritto da Bruce Jones e come detto sopra disegnato (magistralmente) dal Madrileno Maroto ci trasporta in un mondo fantastico, una realtà fatta di stelle e pianeti, di paesaggi fantastici, fauna aliena, labirinti e giochi di potere.

Sarà realmente stata una meteora a colpire e a danneggiare la “Valerie Anne”?

Gli ospiti della struttura, nonché coloro che la comandano, saranno realmente i protagonisti della storia oppure si tratterà di un mero pretesto narrativo.

Considerazioni finali.

Inizialmente ero restio e scettico ad accettare di leggere e recensire questo fumetto, mi dicevo “sarà la classica storia spaziale, banale e senza molto da dire“.

Al termine della lettura mi sono dovuto ricredere, l’ambientazione spaziale è soltanto un valore aggiunto, una peculiarità che grazie al suo visionario disegnatore ci permette di addentrarci in mondi fantastici e pieni di creatività. Consiglio l’acquisto e la conseguente lettura a chi è appassionato del genere in primis, ma anche a chi avesse voglia di conoscere uno dei maestri del fumetto mondiale, oppure anche a chi, semplicemente, ha voglia di godersi una bella e coinvolgente storia fatta di erotismo, intrighi politici e doppi giochi.

Prezzo:€ 14,00

Editore:Magic Press

Data uscita:28/03/2019

Pagine:112

Formato:brossura, Illustrato

Autori: Bruce Jones ( storia )  Esteban Maroto ( disegni )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...