Fumetti

Hollywoodland: la sfavillante decadenza dei lustrini

La Sergio Bonelli editore, la più grande e conosciuta casa editrice di fumetti italiana, i cui prodotti sono per lo più seriali e “popolari”, autrice di testate come Tex e Dylan Dog , due delle realtà più significative del panorama italico, è poco conosciuta per i suoi prodotti alternativi. Prodotti solitamente che rompono il canone bonelliano a favore di una narrazione più ampia e di maggiore respiro. Questo è il caso di Hollywoodland, scritto da Michele Masiero e illustrato magistralmente da Roberto Baldazzini.

Gli autori

Michele Masiero, (Castelmassa, 1967) attuale direttore editoriale della Bonelli, è stato curatore e scrittore di uno dei personaggi più famosi che fanno parte del ricco e classico pantheon della casa milanese, ovvero Mister No. Inoltre, ha anche scritto una storia per Dylan Dog, ovvero Istinto Omicida, apparsa sull’albo numero 227 della serie mensile, subito dopo entrerà a pieno titolo nello staff della testata.

Roberto Baldazzini, (Vignola, 18 agosto 1958) illustratore e fumettista, è noto principalmente per la produzione di albi a sfondo erotico. La sua lunga carriera ha avuto inizio sulle pagine della Fanzine Pinguino (della quale è cofondatore) per la quale nel 1980 creò il personaggio del detective Ronnie Fumoso, in seguito nel 1984 realizzerà il suo primo personaggio femminile sulle pagine della rivista Orient Express. Successivamente l’autore ha lavorato anche per la pubblicità, oltre ad avere raffigurato donne dalla conturbante sensualità, tra i protagonisti dei suoi principali lavori figurano anche personaggi transessuali come nella saga Casa HowHard e di Beba – Le 110 pompe

Hollywoodland, una storia retrò

Le tavole dell’artista e la penna dello scrittore ci trasportano negli anni venti, più precisamente a Hollywood, lo sfavillante quanto decadente quartiere di Los Angeles nel quale si svolgeranno le vite e prenderanno forma i sogni dei nostri protagonisti.

Sarebbe troppo facile, quanto scontato, limitarsi a dire che la storia ha come protagonisti i due fratelli Winter, non che sia sbagliato dirlo, ma è giusto trattare la città e i suoi abitanti come un organismo indipendente, importante ai fini della narrazione.

Danny “il musone” e Monty “il virtuoso eroe di guerra” (quest’ultimo in seguito diverrà poliziotto), così vengono delineati i caratteri dei due personaggi principali che si muoveranno su un palcoscenico luminoso e pieno di false promesse, soldi sporchi e vizi di ogni genere.

Razionalmente, vista la netta distinzione tra le loro due indoli e i loro lavori, uno il poliziotto e l’altro “colui che risolve i problemi”,  si potrebbe pensare che la storia percorra i binari della bicromia, da un lato il bianco del virtuoso e del fratello modello, dall’altra parte il nero del fratello problematico. Invece, come ogni aspetto importante della vita, le vicende e i mondi finiranno per mescolarsi creando una grande e variegata scala di grigi, a giusta dimostrazione che nella vita le apparenze ingannano e che, prima di poter esprimere un qualsiasi giudizio, bisognerebbe parlare e conoscere le persone.

Il cardine della narrazione sarà un terribile crimine, un efferato delitto che coinvolgerà direttamente i nostri due fratelli, saranno entrambi interessati alla povera ragazza che sarà oggetto di quella terribile esperienza, un’innocente pedina del beffardo fato che l’ha voluta strumento di vendetta e di avvertimento.

Verso la fine del volume assisteremo anche ad una digressione temporale, un salto che ci riporterà a quando Danny e Monty erano bambini,  scopriremo e verremo a sapere il perché Danny sia diventato il “musone”, inoltre verrà toccato un altro tema altrettanto importante nell’America di quegli anni (purtroppo anche al giorno d’oggi ndr ), ovvero il razzismo, una delle più grandi piaghe che l’uomo abbia mai concepito e creato.

 Come faranno i due mondi a mescolarsi? Chi si dimostrerà il fratello migliore? La virtù sarà sempre motivo di vanto oppure verrà sporcata da un comportamento mendace?

Il fumetto è sicuramente un ottimo prodotto e la lettura è d’obbligo, interessanti sono i temi trattati, al di là della semplice trama. Rischiate di scoprire ancora una volta che nella vita le apparenze ingannano, non è assolutamente tutto predeterminato, non si è mai del tutto certi di chi si ha difronte. Conoscere una persona nella sua totalità è quasi impossibile, l’unica cosa certa è che per essere sicuro della sua buona fede bisogna avere la pazienza e la volontà di andare fino in fondo, passo dopo passo, parola dopo parola.

 Francesco ( @Frank_Comics ) Trapani

Caratteristiche dell’edizione

  •  Soggetto: Michele Masiero 
  • Sceneggiatura: Michele Masiero 
  • Disegni: Roberto Baldazzini 
  • Copertina: Roberto Baldazzini
  • Uscita: 23/05/2019
  • Tipologia: Brossurato
  • Formato: 18,5 x 25, b/n
  • Pagine: 288
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...