Serie Tv

L’Attacco dei Giganti Stagione 3 – impressioni sull’episodio 21: Il Gigante d’Attacco

Ci avviciniamo ormai verso la fine della terza stagione de L’Attacco dei Giganti, con un episodio che aggiunge ancora altra carne al fuoco. Dopo le tante rivelazioni della scorsa puntata, ne abbiamo ore ulteriori e anche abbastanza importanti. Vi ricordiamo che nell’articolo sono contenuti spoiler.

L’episodio 21, “Il Gigante d’Attacco”, dice tanto già solo con il suo titolo. In giapponese infatti corrisponde a “Shingeki no Kyojin”, ovvero il nome della serie stessa. A differenza di quello della scorsa settimana, che si concentrava quasi totalmente sulla storia di Grisha Yaeger e sul suo incontro con il “Gufo”, in questo caso assistiamo ad una corrispondenza tra gli eventi del passato e quelli del presente, in cui Eren racconta quelli che sono i suoi ricordi ai compagni.

Si tratta di un episodio molto più calmo e riflessivo rispetto agli altri, contenente molti dialoghi e alcune importanti rivelazioni. Dopo averci confermato l’esistenza del mare tanto caro a Armin, la puntata continua con la conversazione tra Grisha e il Gufo, il cui nome si scopre essere Eren Kruger. Da qui già emerge una informazione fondamentale: esiste un limite di anni in cui un umano con la possibilità di trasformarsi in gigante può vivere, cosa che sicuramente sconvolge Eren, Armin e Mikasa.

Questa limitazione è dovuta al Gigante Fondatore, colei che ha dato vita a tutti gli altri titani, e allo stesso tempo è il motivo per cui Kruger cede a Grisha il suo potere e gli affida un compito, così come tutte le speranze per la restaurazione di Eldia. Si arriva in seguito alla seconda importante rivelazione, ovvero il nome di uno dei nove giganti, quello che Eren possiede dall’inizio della serie. Da sottolineare come al suo nome sia data la rilevanza che merita, con un breve discorso che lo descrive fino ad arrivare al momento in cui sia Kruger che Eren lo pronunciano facendo sentire allo spettatore il suo immenso peso.

La seconda parte dell’episodio è incentrata sul ritorno dei personaggi da Historia e la successiva riunione che si svolge per parlare della spedizione a Shiganshina e del ritrovamento dei diari di Grisha. Prima di questo assistiamo però alla lettura, da parte della regina, della lettera scritta da Ymir e consegnata da Reiner, lettera carica di sentimento ma anche dal sapore piuttosto amaro. Si comincia a parlare inoltre del “sentiero”, ovvero qualcosa che collega tutto il popolo di Eldia e porta alla coordinata del Gigante Fondatore.

L’evento più importante durante la riunione è sicuramente l’intuizione di Eren, il quale non vuole tuttavia svelare ai presenti ciò che ha ipotizzato per timore delle conseguenze che potrebbero esserci su Historia.

La puntata si chiude lasciando lo spettatore profondamente stranito, a causa delle enigmatiche parole che Kruger rivolge a Grisha citando Mikasa e Armin, facendo in qualche modo intendere che i ricordi sia passati che futuri siano condivisi dai portatori di uno specifico titano, anche se per ora il tutto rimane un mistero.

Ora non ci resta che attendere la prossima settimana per vedere come si concluderà questa terza stagione, che fino ad ora ha regalato tante soddisfazioni. La conclusione sembrerebbe essere appagante per i protagonisti, dato il titolo dell’episodio 22. Finalmente potranno vedere cosa si nasconde “Al di là delle mura”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: