Stories from History

L’Importanza del Mondo Classico

Quando si pensa al mondo classico vengono subito in mente gli antichi greci e gli antichi romani. Quando però si pensa al motivo della loro importanza, pochi conoscono la risposta.

Ovviamente altri popoli dell’antichità sono stati importantissimi, come gli antichi egizi, i Sumeri, gli Assiri, i Babilonesi e i Fenici, perché ci sono stati dei nessi tra Medio Oriente e Occidente; tuttavia soltanto i Greci e i Romani sono considerati parte del mondo classico.

Come mai queste due popolazioni sono così importanti? Perché quasi tutto quello che abbiamo oggi di occidentale, lo dobbiamo agli antichi greci e agli antichi romani: la politica, le istituzioni, la medicina, la biologia, la matematica, lo sport, il circo, la filosofia, la botanica, la letteratura, l’alfabeto, il teatro occidentale, l’arte, l’oratoria, la retorica e l’esoterismo, ma anche cose concrete come i palazzi, gli stadi, il bikini, i bagni pubblici, le finestre a vetro e a doppio vetro, le vie, le strisce pedonali e molto altro; la cosa che ci è stata tramandata più di tutto, però, è il modo di vivere e di pensare, la società.

Vediamo insieme qualche esempio: possiamo dire che il primo teorico della filosofia e quindi il primo filosofo puro era un greco, Talete di Mileto, matematico vissuto nel VI secolo a.C.; i giochi sportivi nascono ad Olimpia, nella prima metà dell’VIII secolo a.C., probabilmente nel 776 a.C., prima data certa della storia greca; il primo botanico è considerato ufficialmente il filosofo greco Teofrasto, discepolo di Aristotele e secondo scolarca del Liceo; la satira come la conosciamo oggi è romana, poiché il primo a comporla è stato Lucilio, poeta romano del II secolo a.C.; i palazzi sono diretti discendenti delle insulae romane, istituite da Augusto nel I secolo a.C.; il teatro come lo conosciamo oggi è greco, poiché il primo a scrivere le riforme della drammaturgia fu Tespi, tragediografo del VI secolo a.C.; gli odierni stadi altro non sono che anfiteatri romani, come il bikini altro non è che lo strophium romano; l’alfabeto occidentale è latino, a sua volta un adattamento di quello greco. Persino il Calcio e il Calcio Fiorentino sono derivati dall’Arpàston greco, insieme al Rugby.

Oltre a tutto questo, però, gli antichi greci e romani ci hanno lasciato valori e tradizioni, come la casa, la famiglia, i miti, la religione, le cerimonie, i riti, i viaggi, i gesti, i modi di fare e di dire. Ad esempio il famoso dito medio alzato per mandare a quel paese qualcuno già lo usavano i Greci, oppure il celebre detto “prendere il toro per le corna” discende direttamente dal mito di Teseo e del Minotauro, o infine il gesto di salutare alzando leggermente il braccio e la mano, già lo usavano i greci.

Purtroppo oggigiorno alcuni valori si stanno perdendo, come il coraggio o la patria, ma l’importante è non dimenticare mai il patrimonio storico, artistico e culturale che il mondo classico ci ha lasciato.

Fondamentale è dunque conoscere la storia e in particolare quella classica, per conoscere le nostre radici più strette e per sapere chi siamo e da dove veniamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: