Fumetti

EX-TRACT vol.1 – Risvegli: la recensione

Nel mondo esistono diversi termini per esprimere lo stesso concetto, ad esempio, la parola fumetto, è declinata in diverse forme e tipologie.
Partiamo da una delle più famose, ad esempio, in Giappone abbiamo il famoso manga, termine sicuramente esotico e ricco di fascino orientale.
In America la nomenclatura più utilizzata è comic, un termine sicuramente più vicino ai nostri canoni occidentali di intendere il media.
Inoltre in Francia abbiamo l’artistica e sofisticata Bandes Dessinèes che con le sue grandi campiture riesce a suscitare sempre un’emozione, anche al lettore più difficile.
Arrivati a questo punto, vi starete sicuramente chiedendo il perché di questa mia prolissa introduzione, ebbene, il titolo di cui parleremo in questa recensione sarà EX-TRACT vol.1 – Risvegli, un cd. “Manga Europeo”.
I meno avvezzi di voi sicuramente storceranno il naso dicendo: ma se è un Manga, come può essere Europeo?
Purtroppo, ancora oggi (fortunatamente non tutti), la maggior parte dei fruitori pensa che questa forma artistica sia statica e fossilizzata nei sui termini. 
Non è assolutamente così, anzi, stiamo parlando di una possibilità espressiva e come tale non può essere rinchiusa da una barriera fatta soltanto di definizioni. 
Certo, ogni tipologia sopra citata ha i suoi canoni espressivi (alcune volte anche completamente stravolti), però in fin dei conti sempre di fumetto stiamo parlando.
Questo albo è sceneggiato da Domenico Guastafierro e disegnato da Alfredo Postiglione,ed è un omaggio, un tributo d’amore e stima verso tutto ciò di cui Domenico (Caverna di Platone) ha sempre parlato sul suo canale Youtube e sul web.
L’opera inizia con un racconto, una narrazione funzionale che ci trasporterà nel mondo che i due autori hanno pensato. 
Secoli fa, la Terra era un pianeta pieno di vita e risorse tecnologiche.
Non esisteva un freno a ciò che l’essere umano fosse in grado di realizzare, ogni suo sogno era a portata di mano. 
E questi si concretizzarono quando venne inventato l’Ex-Tract!. 
Un dispositivo che permette di assorbire poteri e conoscenza descritti in ogni genere di testo, con tutte le variabili del caso.
Ovviamente, un potere del genere divenne incontrollabile, in molti lo usarono per la loro avidità che non aveva limiti.
Fu il caos.
Con questa catastrofe inizieranno le avventure dei nostri tre protagonisti, ragazzi che come canone Shonen impone si troveranno sotto l’egida di un maestro che li addestrerà nell’uso delle arti marziali e li preparerà al ricevimento di un futuro potere.
Lo sconsiderato uso di questo immenso potere che l’umanità riceverà non può che portare alla distruzione e allo sterminio di tutto e tutti, le persone si troveranno in uno scenario in cui i resti della tecnologia ad energia infinita saranno scambiati per magia e gli unici testi rimasti e quindi ritenuti sacri saranno i Manga dando inizio ad una nuova era, un teatro: che dopo 1200 anni avrà perso ogni memoria di ciò che c’era prima e di cosa li ha quasi distrutti.
Inizialmente ho parlato di tributi e stima, non ci sono soltanto quelli, al suo interno possiamo trovare anche numerosi omaggi e citazioni. 
Il modo di esplodere delle persone, tipico di uno dei più famosi Shonen degli anni ottanta, ovvero Hokuto no ken.
I tre ragazzi protagonisti (Zenchi, Haya e Manabu ) che come Naruto e compagni si alleneranno con uno stimato maestro.
Un vecchio saggio che a chi scrive ha ricordato vagamente il Maestro Muten, celebre maestro del famoso Goku.
Il classico torneo a cui i giovani dovranno prendere parte, però ci sarà risparmiata la scena dell’allenamento, in un siparietto che al sottoscritto ricorda molto lo stile di auto narrazione di Hideaki Anno, famoso e acclamato regista e animatore Giapponese, papà di Neon Genesis Evangelion e co-fondatore dello studio Gainax, anime e realtà tanto care allo Youtuber.
Alcuni amici del duo palesemente “ presenti “ all’interno della storia, le location ispirate alla loro Napoli, ecc…
Non siamo certamente di fronte ad un capolavoro, ciò nonostante il tutto è estremante funzionale alla tipologia di racconto che i due autori avevano in mente.
Il disegno stereotipato e la sceneggiatura asciutta, ma pregna di insegnamenti tipica dei Manga per ragazzi, ben si sposano con la narrazione che si dipanerà tra le pagine di questo primo volume della saga.
Dovreste dunque acquistare questo titolo?
Secondo me si, vi troverete difronte all’opera prima di questa accoppiata, ma parliamo comunque di due professionisti ed esperti del settore.
Due personalità che amano profondamente  ciò che fanno, due persone la cui passione gli ha permesso di infarcire la loro opera di amore per il media.
Scheda tecnica:
Copertina flessibile: 112 pagine
Editore: Shockdom (30 maggio 2019)
Collana: Manga
Lingua: Italiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: